San Ferdinando 1942, sogno C1 infranto 5-3 col Troia

San Ferdinando 1942, sogno C1 infranto 5-3 col Troia

«Non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta», la società

Il sogno della C1 si infrange 5-3 sul sintetico del Futsal Troia per il San Ferdinando 1942. Straordinari i tifosi al ritorno della squadra e durante tutta la partita. La direzione del match è affidata al signor Daniele De Palma della sezione di Bari e al signor Francesco Decorato della sezione di Barletta. Il San Ferdinando batte, prova subito ad attaccare ma i padroni di casa senza alcuna esitazione ripartono con De Nido, Moffa, Capozzi e Roseto. Il risultato si sblocca al 5′ proprio con Roseto che segna dopo un errore della difesa. Gli uomini di Russo fanno fatica ad uscire allo scoperto, tentano qualche attacco poderoso con Caputo e Distaso, sfruttando male qualche punizione. Il Troia continua la sua fase di assedio alla porta protetta da Torraco, con Capozzi e Roseto. Il tempo scorre, le due squadre si contendono il possesso della palla ma nessuna si impone troppo sull’altra. Al 13′ però Tricarico sfruttando un’altra ripartenza, si sistema a destra e calcia benissimo trovando il 2-0. Distaso avanza subito a sinistra ma l’estremo difensore, para e approfitta della situazione per far ripartire il Troia. Abdennabi interviene benissimo a liberare l’area, Distaso subisce fallo da 9 che viene ammonito. Gli avversari però prendono subito palla e partono con Capozzi che calcia più volte ma, Torraco para benissimo. Al 19′ ancora una volta Distaso subisce quinto fallo da Olivieri: Caputo batte la punizione e centra la barriera, De Nido fa ripartire il Troia. La palla gira, arriva a Olivieri dentro per Capozzi ma ancora Torraco in angolo. Al 24′ i padroni di casa sono ancora in avanti, nel caos Olivieri serve Tricarico in mezzo che, dopo l’uscita di Torraco, l’appoggia dentro. 3-0 Il San Ferdinando si difende bene e prova ancora poche ripartenze con Distaso, non riuscendo a trovare il gol. Distaso avanza, serve in mezzo Ciccolella che la prende male e calcia fuori. Il direttore di gara assegna un minuto di recupero durante il quale Distaso viene atterrato da Roseto ottenendo tiro libero. Caputo batte ma il portiere para, Ciccolella prova sulla ribattuta ma fuori. Termina così la prima frazione di gare sul risultato parziale di 3-0. Nel secondo tempo il Troia non molla di un millimetro e continua ad attaccare con Capozzi che sfiora il gol dalla banda sinistra con un tiro che finisce alto di pochi millimetri. Gli ospiti provano ad imporsi e senza calciare troppo, fanno un buon possesso palla nella metà campo avversaria. Olivieri però prova una ripartenza e il tiro finale viene parato da Torraco. Riparto allora Distaso che viene messo giù malissimo da Roseto, giustamente ammonito dal direttore di gara. Russo ne approfitta, schiera Lombardi come portiere di movimento, Lopez viene ammonito per un fallo su Capozzi, i gialloverdi però attaccano, Capozzi riparte, la porta è vuota, provano a fermarlo ma è già troppo avanti. Siamo al 52′. 4-0 Passa un solo minuto, Lombardi da calcio d’angolo serve in mezzo caputo. Gol! 4-1 I padroni di casa schierano adesso Tricarico come portiere di movimento, ma Milone torna subito tra i pali, vista l’intensa fase offensiva degli uomini di Russo. Al 56′ Distaso in piena ripartenza calcia perfettamente dalla banda sinistra. Palo-Gol! 4-2 Il San Ferdinando attacca, Lombardi serve Distaso che calcia dalla distanza… miracoloso Milone in volo. Sono trascorsi solo cinque minuti, Caputo subisce fallo, l’arbitro fischia, i padroni di casa protestano, Lopez senza pensarci due volte sistema la palla e calcia in fondo alla rete. 4-3 La partita si accende e il gioco rimane fermo per quattro minuti. Tutti i tifosi ospiti adesso cominciano a crederci e ad incitare i loro ragazzi.

Il San Ferdinando attacca senza sosta, sfiora gol con Caputo in mezzo e tiene palla perfettamente. Il direttore di gara assegna quattro minuti di recupero, nei quali, Castriotta, di testa, salva la porta per diverse volte da potenti tiri scagliati dalla difesa avversaria. Al 64′ però De Nido con un tiro perfetto dalla difesa, trova il 5-3 a porta vuota, mentre ancora una volta, Castriotta in rovesciata provava a salvare la palla. Arriva così il fischio finale. Il San Ferdinando perde una grandissima occasione per il passaggio in C1. Al rientro in paese, tutta la squadra è stata accolta dalla Curva Nord che è stata in grado di trasformare ogni singola sensazione di amarezza e tristezza in uno straordinario momento di gioia. Noi ringraziamo tutti per il grande sostegno che abbiamo avuto. Non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta! Noi lotteremo. Per Voi. Ci vediamo l’anno prossimo.

Ufficio Stampa A.S.D. SAN FERDINANDO 1942